Passo dei Casoni: restaurato un manufatto artigianale

Un fase del lavoro di manutenzione del manufatto al Passo dei Casoni
Un fase del lavoro di manutenzione del manufatto al Passo dei Casoni

Proseguono senza sosta le attività svolte dall’associazione Mangia Trekking per la valorizzazione delle vie sentieristiche e delle strutture di ricezione turistica nelle località di montagna. Ultima iniziativa, posizionare un significativo ed esplicativo manufatto, sull’Alta Via, al Passo dei Casoni, al confine tra la Liguria e la Toscana, tra i comuni di Mulazzo e di Rocchetta Vara. Si tratta di un fondo di botte realizzato artigianalmente, alcuni anni or sono, dal lunigianese Matteo Termi di Ceserano, per sintetizzare una straordinaria peculiarità delle terre di confine fra Lunigiana e Val di Vara ovvero quella dell’Alpinismo Lento. Il manufatto, esposto nell’area tra la Lunigiana e la Val di Vara, era stato completamente vandalizzato da alcuni ignoti, ma prima l’attenzione di un lunigianese rispettoso dell’ambiente, poi la capace opera dell’associato Giorgio Berettieri di Campastrino, ne hanno permesso il pieno recupero. Così da oggi sul Passo dei Casoni, quel lavoro artigianale, in una delle “porte” di attraversamento tra i Parchi del Mare e dell’Appennino, torna a svolgere la sua funzione. Promuovere il progetto dedicato allo “sport natura – ambiente” elaborato dall’alpinismo lento, attorno al quale aziende di ricezione turistica e cacciatori locali, si attivano con vera soddisfazione, per contribuire a valorizzare una terra ricca di storia e di tradizioni.

Condividi