Tags: Oujda

Vicini a chi soffre per  un “Mediterraneo  frontiera di pace”

L’appello di una parrocchia del Marocco impegnata nell’accoglienza dei migranti clandestini Scrive p. Renato Zilio, direttore ‘Migrantes Marche’: “Sono stato recentemente alla parrocchia di Oujda, in Marocco. In un continuo flusso, vi arrivano giovani subsahariani che provengono dalla traversata dell’Algeria e del deserto: un’esperienza dura, sofferta, dolorosa aldilà dell’immaginabile. I locali della parrocchia erano al…