Tags: Dio

Dio delle mie macerie

Domenica 9 gennaio – Battesimo del Signore (Is 40, 1-5. 9-11 – Tt 2, 11-14; 3, 4-7 – Lc 3, 15-16. 21-22) Camminare sul bordo vertiginoso degli eventi con il cuore che scoppia di Assenze. Guardare come dall’albero di un veliero, sfinirsi di orizzonti che si desiderano, furiosamente si desiderano, finalmente abitati. Attendere come sul…

Vuoi farti male?

Domenica 10 ottobre – XXVIII del tempo ordinario (Sap 7,7-11 – Eb 4,12-13 – Mc 10,17-30) “Perché mi chiami buono?” e la corsa si ferma dentro ginocchia piegate. E anche Gesù rimane, immobile. Con quella domanda scandalosa posta di traverso come a inceppare un eccesso di entusiasmo. “Perché mi chiami buono? Solo Dio è buono”…

Dante e la Bibbia

Il Sommo Poeta è uomo che ascolta e riflette sulla Scrittura, come studioso ma soprattutto come credente. L’esperienza dantesca diventa il valore morale per tutti Oltre ai riferimenti alla cultura classica, Dante elaborò, attraverso un confronto con le Scritture, un sistema poetico di metafore, simboli e temi teologici, politici e narrativi, che sono il tessuto…

Una vita nuova, incamminata verso la sua pienezza nel mistero di Dio

La parola ‘pasqua’, che deriva dalla Pesach ebraica, significa ‘passaggio’ e ricorda in particolare la liberazione del popolo di Israele dalla schiavitù di Egitto. Il memoriale della liberazione è l’inizio della nuova storia del popolo: l’evento che si è compiuto viene riattualizzato in ogni celebrazione e reso contemporaneo alla comunità che lo celebra. In riferimento…

Se vuoi puoi

Domenica 14 febbraio – VI del tempo ordinario (Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45) Partire da un “se” carico di attesa e da un desiderio gravido di speranza, queste le mosse della conversione a umanità nuova che il Vangelo propone. Nel cuore di quella solitudine scendono in profondità le parole del lebbroso. Gesù si lascia…

Dall’ inizio

Domenica 3 gennaio – Seconda dopo Natale (Sir 24,1-4.12-16; Ef 1,3-6.15-18; Gv 1,1-18) In principio era il Verbo. In principio: la Parola. Giovanni non invita stelle e pastori o angeli nel suo racconto del Natale. Nessun censimento, nessun cammino nella notte, Giovanni nella pagina natalizia scava fino a trovare l’essenza delle cose. Scava fino a trovare…