È venuto il momento di chiederci se abbiamo le statue giuste

Strade e piazze, parchi e giardini, musei e biblioteche: sono gli spazi pubblici del nostro Paese; spazi pieni di segni, celebrazioni, ritratti, simboli di fascisti, schiavisti, colonialisti. E sono lì a segnare la nostra memoria condizionando il nostro presente e, soprattutto, il futuro delle nuove generazioni. Tomaso Montanari lo definisce un “canone civile del nostro […]



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<