Il card. Hollerich: “apriamo le porte ai profughi di Moira”

Intanto in Israele, dal 18 settembre, parte un nuovo lockdown “Abbiamo parlato con la gente, siamo entrati nelle loro tende. Quello che mi ha colpito di più è la mancanza assoluta di speranza nelle persone. In questi anni, abbiamo pronunciato bellissime parole sui diritti umani e sui valori europei. C’è gente che ha creduto in…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti iscritti.
>> Iscriviti gratuitamente per continuare la lettura <<

Condividi