Mulazzo: al via i lavori sulla Sp 69 dei Casoni

Mentre sono in corso interventi allo stadio e alla sentieristica

Un tratto franato sulla strada 69 dei Casoni
Un tratto franato sulla strada 69 dei Casoni

Senza dubbio tra i lavori che sono in corso d’opera o che comunque stanno per iniziare, quello che sta maggiormente a cuore al sindaco di Mulazzo, Claudio Novoa, è quello relativo al ripristino della sp 69 dei Casoni. Del resto si tratta di una vicenda complessa e antica con la strada che è chiusa dal 2011 dopo la tremenda alluvione del 25 ottobre. Da allora non è stato più possibile il transito per questa strada che unisce la Lunigiana e la Liguria, collegamento diretto tra il comune di Mulazzo e quello di Calice al Cornoviglio. Tanto che, nel 2018, i due sindaci (lo stesso Novoa e Mario Scampelli) coadiuvati da quello di Rocchetta Vara (Riccardo Barotti), stufi dei ritardi burocratici avevano dato il via ad una raccolta di firme per sollecitare l’avvio dei lavori. Un primo passo si era avuto nell’autunno 2019, con l’arrivo di un finanziamento di un miliardo e 200 milioni, ed ora questi soldi dovrebbero essere messi su “asfalto” con l’avvio dei lavori (inevitabilmente ritardati anche dalla pandemia) in questi giorni. In questa prima fase si andranno a sistemare nove frane per permettere di ripristinare la viabilità almeno sino alla frazione di Cerro garantendo il transito ai residenti (per la maggior parte si tratta di seconde case). Anche se si tratta solo di primo passo: infatti per ripristinare interamente la strada ci sarà bisogno di altri due milioni e 600 mila euro per i quali si sta provando a battere cassa alle due Regioni interessate. “Si tratta di una strada importante – sottolinea Novoa – anche perché segna il legame profondo tra due territori dalle molte caratteristiche comuni. Questo è un primo passo importante ma dobbiamo arrivare sino in fondo e riallacciare questa relazione viaria tra Toscana e Liguria”.

I lavori per lo stadio "Calani" di Groppoli di Mulazzo
I lavori per lo stadio “Calani” di Groppoli di Mulazzo

Tra le altre opere in corso d’opera c’è quella relativa alla riqualificazione dello stadio “Canali” di Groppoli. Un investimento da 65 mila euro (35 mila con un finanziamento regionale) e che prevede il completamento dell’impianto di irrigazione, quello di illuminazione dopo che si è già intervenuto per l’abbattimento delle barriere architettoniche ed il rifacimento della cancellata. Mentre è stata recentemente conclusa la manutenzione di alcuni sentieri, pulendo i cammini e installando cartelli segnaletici. “Sono aperti sei sentieri che possono essere percorsi a piedi, in bicicletta o a cavallo. e per questo devo dire un grande grazie al supporto dei volontari e degli assessori che hanno coordinato i lavori”. Con questa offerta turistica Mulazzo prova a rispondere alla difficoltà di questa estate che vede un calo del turismo per le problematiche sanitarie. “Ma sono convinto che Mulazzo, così come tutta la Lunigiana, abbia tutte le caratteristiche per rispondere al meglio a questa emergenza offrendo spazi ampi e incontaminati evitando quindi gli assembramenti”. Regola, quest’ultima, che sta evidentemente condizionando le manifestazione estive con l’annullamento di molti dei tradizionali appuntamenti ed incontri. Unica eccezione, a Mulazzo, sarà rappresentata dalla “Festa del Libro” che si terrà, rispettando tutte le normative, dal 22 al 30 agosto. (r.s.)

Montereggio: lavori alle strade e riqualificazione del borgo

Lavori del terzo lotto Sp32
Lavori del terzo lotto Sp32

Sono in corso d’opera lavori anche per quanto concerne la frazione di Montereggio. Sta per partire un intervento da 270 mila euro per la sistemazione idraulica e idrogeologica della strada che conduce al cimitero con la sistemazione di micropali. Mentre sono in corso d’opera i lavori lungo la strada provinciale 32 Mulazzo-Montereggio-Parana: sta infatti proseguendo l’intervento che il servizio viabilità della Provincia di Massa-Carrara sta portando avanti per completare il terzo lotto degli interventi di ripristino previsti per un costo complessivo di circa 565 mila euro. Partiranno invece al termine dell’estate i lavori per la riqualificazione del borgo per cui sono stati intercettati finanziamenti dal Governo per circa 50 mila euro. Soldi che serviranno per il consolidamento dell’antico ponte della chiesa, lesionato, e il completamento dell’illuminazione del borgo storico con l’installazione di nuovi punti luce (al led, ad alta efficienza) e la sostituzione di quelli danneggiati. (r.s.)

Condividi