A Pontremoli le fotografie dell’avventura nel mondo di Stefano Lotumolo

Lions Club Pontremoli – Lunigiana e Lunicafoto per trasmettere condivisione tra culture

46lotumoloÈ stato un tuffo nell’entusiasmo concreto di un giovane trentenne di Lucca l’incontro avvenuto a Pontremoli il 30 novembre in palazzo Pretorio su invito di Lions Club Pontremoli-Lunigiana e Lunicafoto: Stefano Lotumolo è venuto per parlare in diretta della sua scelta di vita per cercare di vivere felice; ha lasciato le comodità del vivere comune per appagare un bisogno di senso e una speranza di raggiungere i propri ideali e sogni.
Ha viaggiato per mesi e fotografato i volti e i gesti di persone delle terre africane e asiatiche, osservate non con l’occhio estraneo del turista, ma con quello di chi guarda negli occhi, parla e condivide le esperienze delle persone. Le foto, il video, il libro autobiografico È tutta una questione d’amore (Ouverture edizioni) presentati testimoniano un progetto condiviso da amici e nato dal sogno di sensibilizzare e far conoscere alcune realtà presenti nel mondo dove vivono persone che hanno poche cose ma molto più capitale in valore di noi occidentali.
Hanno fiducia, condividono quel poco che hanno anche con il forestiero, non si sentono soli perché sono in sintonia e rispettano la natura, la percepiscono come un respiro di vita divina, si sentono parte del tutto vivente senza essere panteisti. Una sensibilità, una spiritualità avvertita in particolare girando l’India, un subcontinente di grandi tradizioni nella sua distinzione tra il nord e il sud. Le foto esposte mettono in primo piano l’intensità di sguardo verso l’alto di bambini, le rughe di persone affaticate ma contente, non si sono fatte travolgere dalle gioie e dai dolori. Il contatto diretto con loro ha rivelato al nostro viaggiatore che hanno consapevolezza che siamo tutti figli della stessa famiglia umana.
Stefano Lotumolo non è un profeta né un cosiddetto guru, è sulla scia di Tiziano Terzani padre e del figlio (incontrato con effetti determinanti) alla ricerca di quel maestro che è dentro di noi per farci viaggiatori spirituali. Ha dovuto rientrare in Italia per difficoltà e malattie, ma affronta tutto con amore, con fiducia perché le cose accadono spesso al di là dei nostri programmi. L’universo che ci circonda non ci fa sentire soli, l’infinito ci regala fiducia se sappiamo captare i segnali: sono espressioni di poesia, un bene di cui il nostro mondo ricco è molto povero, sono l’epilogo del libro e vanno prese sul serio perché vere. Questa testimonianza di 80 belle immagini girerà per città italiane e del mondo e il suo scopo merita auguri di successo.

(m.l.s.)

Condividi