A Massa il Seminario in festa in onore del patrono San Carlo

Una giornata di spiritualità e di condivisione

42festa_Seminario_Massa_2018Lunedì scorso si è celebrata la solennità di San Carlo Borromeo, patrono del Seminario, posticipata al 5 novembre per la coincidenza con la domenica del giorno dedicato alla memoria del santo. Il programma è stato ricco di iniziative.
A partire dalle 16, ha avuto luogo un incontro tra i seminaristi, le zelatrici – persone impegnate nella preghiera personale per le vocazioni sacerdotali – e gli aderenti al Monastero Invisibile – una “comunità” di uomini e donne che pregano accomunati dal sussidio trimestrale realizzato dal Centro Diocesano Vocazioni. Alle 18, il Vescovo Giovanni ha presieduto la celebrazione della S. Messa nella cappella del Seminario, concelebrata da numerosi sacerdoti particolarmente legati al Seminario diocesano, per avervi trascorso i loro anni di formazione.
Nell’omelia, il Vescovo ha indicato ai seminaristi e ai sacerdoti presenti San Carlo come modello da imitare per aver messo la propria cultura, intelligenza e fantasia al servizio della Chiesa e dei fratelli, con dedizione e dono disinteressato di sé. Ha poi proseguito affermando che nella Chiesa ci sono doni diversi, ma – facendo sue le parole di S. Paolo – “guai a me se non annuncio il Vangelo”.
42festa_Seminario_Massa_2018aDopo la celebrazione eucaristica, sono stati condivisi la cena e un momento di festa per accogliere suor Pacifique, suor Thérèse e suor Virginie, francescane penitenti presenti tra di noi dal mese di settembre di quest’anno provenienti dal Rwanda.
Ad esse la comunità del Seminario ha donato i breviari in lingua italiana affinché tutti possano pregare con un’unica voce. Questo nuovo anno pastorale vede nuovamente la proposta dell’anno propedeutico quale occasione per i giovani della diocesi di interrogarsi sulla vocazione che Cristo rivolge loro per divenire suoi sacerdoti.
Un’esperienza, quella dell’anno propedeutico, che, senza ancora lasciare la famiglia permette lo studio o il lavoro proponendo, nel contempo, momenti di spiritualità, di condivisione e di servizio, un accompagnamento personalizzato, incontri di formazione. Un periodo sicuramente utile per il proprio progetto di vita, per capire se chiedere di entrare successivamente in Seminario.
Per intraprendere questo cammino, che al momento vede già coinvolti 4 ragazzi, è necessario contattare don Emanuele Borserini della Fraternità San Filippo Neri di Filetto. Un’ulteriore proposta è costituita dal Servizio di ascolto e accompagnamento: se sei giovane e cerchi qualcuno disposto ad ascoltarti, con cui parlare della tua vita, dei tuoi bisogni, dei tuoi sogni, un cammino di accompagnamento spirituale, alcuni sacerdoti, religiosi/e e laici hanno dato la loro disponibilità e puoi entrare in contatto con loro attraverso il Seminario.

Alessio Bertocchi e Giorgio Lazzarotti

Condividi