La magia della poesia è passata dalla Brunella di Aulla

Per tre giorni alla fortezza si è tenuto il Premio internazionale di arti letterarie Thesaurus

Nella foto da sinistra: Haidar, Pratici, Vettorello, D'Episcopo, Quasimodo
Nella foto da sinistra: Haidar, Pratici, Vettorello, D’Episcopo, ed Alessandro Quasimodo all’estrema destra

Tre giorni di intensi lavori quelli del Premio internazionale di arti letterarie Thesaurus – la Brunella VII edizione, che si sono svolti ad Aulla dal 16 al 18 novembre. Nato nel 2012, per iniziativa dell’aullese Marina Pratici (poetessa e attualmente delegata alla cultura del Comune), Thesaurus è un Premio itinerante che si è tenuto in passato a Matera, in Veneto e in altri città d’Italia e quest’anno ad Aulla, grazie all’impegno della Pratici e dell’Amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Roberto Valettini che ha partecipato ai tre giorni di Thesaurus e in varie occasioni ha espresso soddisfazione e apprezzamento per l’evento, che non si è risolto soltanto in assegnazione di premi. Infatti nella mattinata di sabato, particolarmente significativo è stato il recital di Alessandro Quasimodo, figlio del poeta Salvatore; “Operaio di sogni, Quasimodo legge Quasimodo” destinato prevalentemente agli studenti del Liceo Classico Leopardi di Aulla. Ci sono stati poi interventi di Hafez Haidar scrittore, saggista traduttore critico delle Mille e una notte, della filosofa lunigianese Federica Montevecchi, di Francesco D’Episcopo docente emerito dell’Università degli studi di Napoli. è stato presentato il libro “Incontri”, di Laura Ephrikian, presente ad Aulla, insieme al fratello, musicista.

Da sinistra Pratici, Vettorello, ed il sindaco Roberto Valettini
Da sinistra Pratici, Vettorello, ed il sindaco Roberto Valettini

Ha inoltre affiancato il Premio una estemporanea di pittura da parte di tredici artisti lunigianesi e una mostra fotografica allestita nella sala di San Caprasio. Tanta gente ha affollato la sala consiliare e la sala Tobagi per assistere all’assegnazione dei premi da parte di una giuria composta di sette membri e, in qualità di presidenti esecutivi, da Rodolfo Vettorello, poeta, Presidente Cenacolo Internazionale AltreVoci e da Marina Pratici. Quest’ultima è stata la vera animatrice e punto di riferimento del Premio Thesaurus che si articola in 4 sezioni: due di poesia e due di narrativa, previste per entrambe sia opere edite che inedite. Tanti i premiati, giunti da varie parti d’Italia spesso con moglie, figli e parenti vari al seguito, fotografati, intervistati, invitati a spiegare come è nata la loro opera. Nel pomeriggio di sabato si è svolta, in sala Tobagi, la “Cerimonia di premiazione finale” durante la quale sono state lette parti delle opere premiate. Impossibile dar conto dei tantissimi premi, riconoscimenti, menzioni,… assegnati. Fra i tanti anche tre Premi Speciali “Eccellenze del Territorio” che il Thesaurus ha voluto assegnare all’associazione Volto della Speranza di Aulla, al Coro Lunigiana e a Kantiere 26 di Pontremoli per l’attività svolta in favore del volontariato e dell’associazionismo. A conclusione della manifestazione gli organizzatori possono davvero ritenersi soddisfatti e anche Aulla per avere ospitato questo Premio internazionale che, visto il successo, si è detto che tornerà presto da queste parti. Fabrizio Rosi

Share This Post