Riaperti a Pisa 3.100 metri di camminamento sulle mura della antica Repubblica marinara

22pisa_camminamentoÈ emozionante e salutare il percorso sulle mura medievali di Pisa a dieci metri dal suolo largo circa un metro che nei due sensi abbraccia per km 3,100 la città da quattro punti di accesso: piazza Federico del Rosso, piazza Gondole, torre Piezometrica presso ex-Marzotto, Torre S. Maria in piazza dei Miracoli. Ad ogni svolta un affaccio su patrimoni storici e un trionfo del verde urbano.
Una cintura esterna di prato con percorsi pedonali e ciclabili e all’interno tanti grandi alberi, piccoli giardini e villette, tra i laterizi delle mura ora trionfa un’orlatura di capperi in fiore con l’incanto dei loro colori. Con investimento di soldi dell’Ue sono stati restituiti alla città 24mila mq. di verde urbano, una scelta ammirevole: privilegiando il bello e non la speculazione edilizia si realizza un importante utile economico insieme alla finalità primaria di incentivare “mobilità dolce e attività motorie a vantaggio della salute, del benessere esistenziale, dell’arricchimento culturale”.
È stato un investimento complesso con operatori di gestione di alta qualificazione.
Le mura lunghe 7 km. furono costruite dal 1154 al 1284 per proteggere i capolavori artistici, al tempo glorioso della ghibellina Repubblica marinara che contrastava i musulmani, faceva Crociate e buoni affari economici, conquistò i giudicati in Sardegna, fino alla catastrofe alla Meloria, lo scoglio al largo di Livorno dove la guelfa Repubblica di Genova provocò un tracollo da cui Pisa non riuscì a risollevarsi e nel 1405 finì sotto Firenze. Nel Camposanto è esposto un pezzo delle catene di ferro che chiudevano il porto, prese come trofeo di guerra dai genovesi e restituite a Pisa solo nel1860.

Info: percorso sulle mura tutti i giorni dalle 10 alle 18, ultimo accesso alle 17, non prevista prenotazione, ingresso gratuito per i residenti, disabili, bambini fino a 8 anni, guide di gruppi speciali, disoccupati, per gli altri biglietto di 3 euro.
Possono accedere i disabili tramite un elevatore presso ex-Marzotto, i minori di 14 anni solo se accompagnati, i cani solo al guinzaglio e con museruola se di taglia medio-grande e gli accompagnatori hanno obbligo di raccogliere immediatamente le deiezioni.

(m.l.s.)

Condividi

Scrivi un commento