Collesino: riaperta la strada a senso unico alternato

Una frana impedisce la normale circolazione creando disagi agli abitanti

La frana caduta sulla strada per Collesino
La frana caduta sulla strada per Collesino

Collesino paesino a monte di Bagnone, dove risiedono pochissime persone, non è nuovo a disagi causati dalle frane. Purtroppo le piogge torrenziali rincarano smottamenti che costano in termini economici e di mancati servizi essenziali. Da un po’ di tempo la strada che sale alla frazione è chiusa a causa di una frana e le poche persone che hanno scelto di rimanere nel borgo sono costrette a passare per raggiungere le abitazioni, da Licciana Nardi percorrendo circa venti chilometri in più. Diversamente le auto vanno lasciate oltre la frana andando, quindi, per un buon tratto a piedi. Qui vive anche una bimba, che, per raggiungere la Scuola elementare a Bagnone, viene accompagnata dai nonni o dai genitori, in corrispondenza della frana e, dopo averla attraversata a piedi, deve poi salire sull’auto dei volontari della Misericordia con cui il comune ha stipulato un contratto. Ma non è l’unica ad avere delle difficoltà, infatti tra chi si deve recare ogni giorno a Collesino c’è anche Desiderio Facchini, di Pastina, il quale deve raggiungere la frazione per curare i suoi animali visto che la stalla è collocata proprio lassù vicino ai monti dove c’è più abbondanza d’erba buona. Il sindaco Carletto Marconi si è attivato, come già nel passato, avvertendo la Provincia ed effettuando un sopralluogo con i tecnici. Gli operai si sono messi immediatamente al lavoro ma la situazione resta precaria dato che esiste una frattura sul versante. Probabilmente si dovrà intervenire posizionando le dovute reti di contenimento, come è stato fatto in corrispondenza di un’altra frana. Il sindaco Marconi ha ribadito la tempestività dell’Amministrazione nel reperire fondi e l’Impresa edile per velocizzare i tempi di ripristino. Nonostante gli imprevisti la strada è stata riaperta a senso unico alternato. La frattura nel monte esiste, ma la zona percorribile è in sicurezza. i.f.

Share This Post

Scrivi un commento