La Via Crucis tradotta in virgolettese da Luigi Palladini

Una preghiera in dialetto ai piedi del Crocifisso “L’ispirazione religiosa è per me molto forte ma in questo caso decisivo è stato proprio l’amore per il mio paese – Virgoletta – e per il dialetto”: così esordisce Luigi Palladini spiegando l’origine della Via Crucis in dialetto virgolettese rappresentata nella chiesa di San Lorenzo in Pontremoli…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti iscritti.
>> Iscriviti gratuitamente per continuare la lettura <<

Condividi

Scrivi un commento