Maggio ‘68: il vento della contestazione

Quarant’anni fa negli Stati Uniti e in Francia le prime manifestazioni studentesche e operaie “Da voi è arrivato qualcosa che stupisce, scuote le coscienze, rinnega tutto quello che ha reso la nostra società ciò che è oggi. È quello che chiamerei l’estensione del campo del possibile. Non rinunciatevi”. Così il filosofo Jean-Paul Sartre si rivolge…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<

Condividi

Scrivi un commento