“Buono, mite, saggio, innocente ed amico”

La sofferenza di Paolo VI per la tragedia innescata dal rapimento di Aldo Moro Aldo Moro, nella lettera ad un sacerdote, sottolineava come il Papa facesse pochino per la sua liberazione. Anche la famiglia dello statista, chiusa nel suo riserbo, sembrava pensarla allo stesso modo. Forse anche lo stesso pontefice Paolo VI, nel profondo del…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<

Condividi

Scrivi un commento