Non si è dissolto il sogno di Martin Luther King

Il 4 aprile 1968 veniva assassinato il leader nero che predicava la fratellanza cristiana Fu un assassinio politico, una cospirazione come sostiene la famiglia, o la furia omicida del “lupo solitario” James Earl Ray a colpire mortalmente Martin Luther King il 4 aprile 1968 a Memphis? Il tribunale condannò a 99 anni di carcere quell’uomo…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<

Condividi

Scrivi un commento