Tavolozza di marzo… con tanto grigio

11meteoIl primo atto del trimestre primaverile non sta davvero trascorrendo nella monotonia in queste prime settimane di marzo. Placatisi gelo, neve e venti rigidi, è seguito il rialzo termico e i passaggi dei fronti atlantici si stanno rivelando molto produttivi. La pioggia è stata infatti una costante per intere giornate.
Una certa variabilità ha interessato i giorni dal 7 al 9, talora con piovaschi a valle e qualche nevicata in Appennino il 7. L’8 è partito meglio, con brinata notturna e cielo sereno al mattino, ma le nuvole si sono poi affollate nel pomeriggio e le gocciolate serali hanno fatto pensare ad un anticipo del peggioramento che era previsto per l’indomani. Il 9, al contrario, benché piuttosto nuvoloso, ha concesso una pausa ed è risultato l’unico giorno di riposo per i pluviometri.
11meteo_tabella14Sabato 10, a partire dall’alba, la precipitazione si è avviata, debole e ininterrotta, intensificandosi con lenta gradualità in serata. Densa foschia e poi nebbia d’avvezione hanno conferito al giorno prefestivo la classica atmosfera lugubre da tardo autunno, ma che pure in primavera non è infrequente.
Il tempo di domenica 11 ha rincarato la dose: cielo ancora plumbeo, pioggia dirotta e vento marino. Le precipitazioni in forma liquida fin oltre i 1500 m di quota e la parziale fusione della neve hanno dato corpo alle piene di fiumi, torrenti e rii, continuando la notte di lunedì 12, anche a rovesci di una certa intensità e di origine temporalesca. Nella mattinata, più volte si sono uditi tuoni. I fenomeni, finalmente, sono poi cessati alle ore 15 circa, salvo qualche residuo piovasco serale e la notte di martedì 13.
Non era ancora il miglioramento franco (quello, se va bene, solo il 14), tanto è vero che le micce si sono riaccese nelle ore pomeridiane con temporali, localmente grandinigeni, fra le 15 e le 17. Al tramonto, le schiarite hanno messo in mostra un Appennino bene innevato nonostante la “lavata” del fine settimana scorso.
L’evento ha apportato sulla Lunigiana significativi totali compresi fra 80 e 140 mm (129 mm a Pontremoli tra sabato 10 e martedì 13).

a cura di Maurizio Ratti, Mauro Olivieri e Giovan Battista Mazzoni

Condividi

297 Commenti - Write a Comment

  1. Pingback: mp3

  2. Pingback: mp3

Scrivi un commento