Tutto pronto per il “Tourday – Carnival edition”

Si terrà nel centro storico pontremolese Il 10 e l’11 febbraio. Quattordici le tappe previste assieme a numerose iniziative collaterali

Un momento dell'edizione 2017 del Tourday di Carnevale
Un momento dell’edizione 2017 del Tourday di Carnevale

Sabato 10 e domenica 11 febbraio dalle 9 alle 20 nel centro storico si terrà il “Tourday – Carnival edition”, settima edizione del tour enogastronomico itinerante suddiviso in 14 tappe, che ogni partecipante gestirà autonomamente. Prima di iniziare il tour è consigliata la sosta allo stand dell’organizzazione in piazza della Repubblica per ritirare il libretto dove sono elencati i locali con le rispettive proposte, che vanno dall’amor accompagnati dalla China Clementi alle chiacchiere e al “biscòto dal Campanùn” servito con il caffè, dall’affogato alle noci con miele della Lunigiana al panino con il bollito, dalla birra artigianale alla farinata, dai testaroli alla torta d’erbi, dai padleti alla spongata, dai salumi al ramaino, dal miele unito ai formaggi locali agli aperitivi. Per informazioni: www.tourday.it; info@tourday.it; infoline 348.8097918. È prevista anche l’iscrizione online.

A corollario dell’iniziativa alcuni eventi collaterali: ingresso scontato per i partecipanti al Tourday al Museo delle statue stele nel Castello del Piagnaro, aperture straordinarie della villa Dosi ai Chiosi e il sabato sera musica dal vivo nella “Birreria del Moro” e dj set nel pub “The Grapes”. Durante la manifestazione si potrà partecipare al concorso fotografico con tema “Tourday” postando la propria foto su Facebook o Instagram (hashtag #photowalktourday). In palio, tra gli altri premi, capi realizzati dalle ragazze dell’Istituto Penale Minorile di Pontremoli, aperitivi e prodotti tipici. Una novità dell’edizione di quest’anno è il “Premio Disfactor 2018”. La Legatoria Artigiana preparerà per coloro che faranno tappa nel negozio divertenti penitenze da postare poi su Facebook. Le più simpatiche si aggiudicheranno premi realizzati da Francesca e Donatella Melani.

Condividi

Scrivi un commento