Nazionalismi, protezionismo e mercato del lavoro

Sarà un protezionismo figlio dei risorgenti nazionalismi a provocare le guerre di domani? O al contrario a generare un malcontento sociale capace di alimentare nuove tensioni nazionali ed internazionali sarà, paradossalmente, quel libero mercato che nella teoria economica accomuna i popoli sotto la bandiera della reciproca convenienza degli scambi? Alla base delle teorie che propugnano…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<

Condividi

Scrivi un commento