Festa di San Nicolò a Pontremoli e Villafranca. Celebrazioni in Duomo. Festa di San Martino a Ceretoli

Parrocchia di S. Nicolò in Pontremoli: festa del Santo patrono
La parrocchia di S. Nicolò in Pontremoli si appresta a celebrare la festa del Santo patrono mercoledì 6 dicembre. Il triduo di preparazione inizierà domenica 3 con la celebrazione della S. Messa alle ore 11; lunedì 4 e martedì 5, alle 17 canto dei Vespri. Mercoledì 6, giorno della memoria del Santo, SS. Messe alle ore 8 e alle ore 17.

Il 5 e 6 dicembre Festa di S. Nicolò a Villafranca
Il 6 dicembre ricorre la festa di S. Nicolò a Villafranca. È, insieme a S. Giovanni Battista e a S. Francesco di Assisi, uno dei patroni di Villafranca. Le celebrazioni si terranno nella chiesa di S. Giovanni in quanto, come noto, quella di S. Nicolò è stata distrutta in seguito ai danni di guerra e resta solo il campanile a testimonianza di una presenza plurisecolare. Come ogni anno la vigilia della festa avrà luogo l’accensione del fuoco come da antica tradizione. Il programma della festa. Martedì 5 dicembre: alle ore 20 Santa Messa in S. Giovanni, quindi processione con la statua del Santo fino a Tra la Cà dove si avrà la benedizione e l’accensione del fuoco. Mercoledì 6 dicembre, festa di S. Nicolò: alle ore 11 Santa Messa. Alle ore 17,30 S. Messa solenne con la benedizione del pane e dei bambini.

Parrocchia del Duomo: novena dell’Immacolata e primo sabato del mese
Da mercoledì 29 novembre a giovedì 7 dicembre in Duomo alle ore 18 celebrazione della Santa Messa con canto del Vespro e omelia. Sabato 2 dicembre, primo sabato del mese, in Duomo dopo la Santa Messa delle 8 esposizione del SS. Sacramento e adorazione guidata. Sarà disponibile un confessore. La mattinata di preghiera si concluderà con la celebrazione della Messa alle ore 11.

Ceretoli ha festeggiato il patrono San Martino
Già citata nel 1296-97 nella “Colletta pro subsidio Regni Siciliae”, la parrocchiale di Ceretoli, dedicata a S. Martino, lascia supporre una probabile fondazione in periodo longobardo; rimaneggiata nel XVII° secolo, presenta alcuni tratti di muratura tipica del periodo romanico. Nei recenti lavori di restauro tali strutture sono in parte riemerse, denotando una matrice ad unica navata di modeste dimensioni con attiguo edificio con caratteristiche romaniche destinato forse ad ospitale. Sabato 11 novembre, nella chiesa posta al centro del paese come da antica tradizione si è festeggiato il patrono S. Martino Vescovo e Confessore. Celebrare il santo patrono di sabato pomeriggio è stata una scelta ardua, ma Padre Dario, guida spirituale della comunità, ha capito perfettamente lo spirito che aleggia nelle piccole comunità. La cerimonia, animata da canti a cui tutti hanno contribuito e servita dai lettori e cerimonieri Fabio e Paolo, è stata quella delle grandi feste con una partecipazione numerosa anche dalle comunità vicine. Le parole di Padre Dario hanno entusiasmato e interpretato a pieno il sentire della gente del luogo da sempre devota al suo santo e il bacio della santa reliquia ha suscitato in molti un momento di commozione e di ricordi.

Condividi

Scrivi un commento