Troppi disagi per i pendolari nella tratta La Spezia – Parma

Un incontro a Borgotaro tra amministratori e il Comitato dei pendolari per inquadrare e risolvere le difficoltà.

Comitato dei pendolari e amministratori presenti all'incontro di Borgotaro
Comitato dei pendolari e amministratori presenti all’incontro di Borgotaro

Un incontro per far conoscere e affrontare i tanti disservizi che subiscono quasi quotidianamente i tanti pendolari che utilizzano il treno della tratta Parma-La Spezia. È stato questo il senso centrale dell’incontro che si è recentemente tenuto a Borgotaro organizzato dal “Comitato dei pendolari della Pontremolese” e che ha coinvolto alcuni rappresentanti delle amministrazioni (Pontremoli, Borgotaro, Berceto, Bedonia, Albareto e molti altri). che si trovano lungo la tratta che attraversa tre Regioni. Dal dialogo tra i vari rappresentanti sono emersi numerosi problemi che affliggono coloro che ogni giorno sono costretti a viaggiare, anche per molte ore, su questi treni per recarsi al lavoro, a scuola o all’Università. Innanzitutto sono stati eliminati numerosi treni che collegavano i comuni che si trovano lungo la rete ferroviaria, in secondo luogo le condizioni dei mezzi e delle vetture lasciano a desiderare, visto che spesso sono caratterizzati da malfunzionamenti degli impianti di riscaldamento e di raffreddamento, oltre che dallo stato di usura delle carrozze e dei materiali.

pendolariNon meno importante, i viaggiatori sono sempre più spesso costretti a fare i conti con i continui ritardi dei treni con conseguente perdita delle coincidenze, oppure ritardo sul luogo di lavoro o di studio. Come ultimo punto, sono state individuate le pessime condizioni di alcune stazioni, come quella di Pontremoli, che rendono poco piacevole la permanenza e le attese dei pendolari a causa della scarsa pulizia e manutenzione, in particolare per quanto riguarda il riscaldamento, lasciandoli al gelo nel periodo invernale. Per questo motivo i pendolari si sono fatti avanti e hanno fatto sentire la propria voce, affinché i rappresentanti dei vari comuni si mettano in movimento. Lo scopo è di soddisfare le loro esigenze, risolvere tali problemi ed evitare ulteriori difficoltà e seccature per chi ha scelto di vivere in montagna e si trova a trascorrere quotidianamente molte ore sui treni. Infatti, è stato chiesto loro di organizzare degli incontri con gli Assessori Regionali ai trasporti di Toscana, Emilia Romagna e Liguria perchè vengano sostituiti almeno i mezzi più usurati e siano rispettati di più gli orari per evitare ritardi.

Questo tramite la redazione di un breve documento, firmato da tutti gli amministratori presenti, che sarà poi inviato alle varie regioni incluse nella tratta ferroviaria e nel quale saranno elencate tutte le problematiche e i disagi riscontrati dai diretti interessati ed esposti nel corso dell’incontro.

Il vicesindaco ed assessore al bilancio di Pontremoli, Manuel Buttini
Manuel Buttini

“Qui ogni giorno centinaia di cittadini prendono il treno per dirigersi a scuola, all’Università, al lavoro – ha commentato il vice sindaco di Pontremoli Manuel Buttini -. Sono persone che hanno deciso di vivere qui e che per farlo devono viaggiare. Per loro anche un ritardo di soli cinque minuti potrebbe rappresentare un problema. Noi amministratori dobbiamo tutelare loro e le esigenze che una vita in viaggio può comportare”.

Condividi

Scrivi un commento