Donata un’autoemoteca: un gesto di solidarietà per Amatrice

Dai Donatori “Fratres” di Pontremoli a quelli del locale Gruppo “Avis”

L'autoemoteca donata al gruppo "Avis" di Amatrice
L’autoemoteca donata al gruppo “Avis” di Amatrice

Si è svolta, il 30 aprile, ad Amatrice (RI) la cerimonia di inaugurazione della autoemoteca acquistata per il locale Gruppo Donatori di Sangue “Avis” con fondi raccolti attraverso la sottoscrizione “Ripartiamo da qui” alla quale hanno risposto singoli cittadini e gruppi di donatori “Avis” e “Fratres” di diverse zone dell’Italia. Tra questi ultimi, il Gruppo Donatori “Fratres” di Pontremoli, che ha deciso di devolvere all’iniziativa buona parte della somma di solito utilizzata per l’omaggio natalizio ai suoi donatori. Una decisione che verrà confermata anche nel prossimo futuro, con l’intenzione di aderire, ogni anno, ad una nuova iniziativa di beneficenza da sostenere nel segno della solidarietà. La sottoscrizione è stata lanciata dall’“Avis” di Rieti, all’indomani del terremoto dello scorso anno, per sopperire alla mancanza di un centro trasfusionale fisso, essendo quello esistente andato distrutto a causa del sisma.

 

Il vice presidente dei "Fratrs" di Pontremoli Francesco Bonelli, assieme al presidente provinciale “Avis” di Rieti, Giuseppe Zelli
Il vice presidente dei “Fratrs” di Pontremoli Francesco Bonelli, assieme al presidente provinciale “Avis” di Rieti, Giuseppe Zelli

Come sopra accennato, domenica 30 aprile, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione del mezzo, intitolato a Rossella Adduci, consigliere dell’”Avis” di Amatrice scomparsa nella tremenda notte del terremoto. All’evento sono stati invitati anche i “Fratres” di Pontremoli, rappresentati dal vice presidente del Gruppo, Francesco Benelli. In una lettera dell’8 maggio, inviata al Gruppo pontremolese, il presidente provinciale “Avis” di Rieti, Giuseppe Zelli, ha espresso il suo ringraziamento anche a nome della popolazione di Amatrice che “Volevo ringraziarvi personalmente – scrive il presidente – per averci permesso di tornare a donare il sangue continuando il nostro percorso di sensibilizzazione, promozione e raccolta che, senza questo automezzo, non sarebbe più stato possibile”. Per l’occasione, Zelli ha annunciato l’intenzione di “acquistare a breve un modulo abitativo da donare ai Donatori di Amatrice quale nuova sede del Gruppo comunale”. a.r.

Condividi

Scrivi un commento